Ultimo aggiornamento 11 Marzo 2023

Quest’anno sono stata accreditata alla Sala Stampa webex del Festival di Sanremo

Di cosa parla la tua canzone?
Io non so raccontare molto bene le canzoni, però il pezzo racconta di un saper lasciare andare, di un avere la capacità di lasciar andare e smettere di vivere nel passato, vedere quello che c’è davanti senza paura del passato o di quello che non è più.

Cosa ti aspetti?
Mi aspetto molta emozione e di imparare a vivere le emozioni. Sanremo per questo è un’ottima scuola!

giorgia festival di sanremo 2023 conferenza stampa
Giorgia durante la conferenza stampa (Nota: quella in alto a sinistra sono io!)

Perché sei tornata dopo 25 anni?
Amadeus mi ha fatto pensare a cose a cui non avevo pensato e cioè che tornare qui è un atto di vicinanza verso il pubblico. Ho dovuto proprio risorgere da una sorta di incertezza nella creatività e lui me lo ha fatto sembrare il luogo ideale dove testare questa cosa. Amadeus è stato giusto nel farmi riflettere a cose a cui non avevo pensato.

In che direzione stai andando dal punto di vista musicale?
È stato difficile reinventare una situazione musicale, ci ho lavorato due anni insieme a Big Fish che produce l’album. È un modo nuovo di cantare la ballad. Nel mio caso c’è un dovere di non rifare le cose come le ho già fatte.

cinzia donati giornalista e blogger 2

Sono Cinzia.
Faccio – con calma! – la giornalista e la blogger, con un occhio attento alla socialsfera.
Amo intercettare e raccontare persone, personaggi e luoghi da scoprire attraverso le interviste, che chiamo scherzosamente “torture”!

Sono appassionata di tecniche e interventi mirati a dare visibilità, come ad esempio la tortura personalizzata o il corretto uso dei social.
Contattami! oppure guarda i miei servizi qui

Perché Elisa per il duetto?
Elisa è stato un pensiero istintivo perché cantare con lei è bello. Ci ispiriamo a vicenda, musicalmente è qualcosa di ricco che mi nutre.

Qual è il filo conduttore del tuo nuovo album “Blu”?
Volevo raccontare il percorso emotivo. Ho cercato di raccontare delle cose di vissuto semplice per finire ad avere uno sguardo verso l’alto. Blu è il cielo di notte che sembra il momento più buio e invece è il momento in cui si può notare che c’è qualcosa che non finisce.

“Nel mio caso c’è un dovere di non rifare le cose come le ho già fatte”

giorgia festival di sanremo 2023 conferenza stampa

In tour andrai nei teatri lirici. Come mai questa scelta?
Il teatro lirico è un’ambizione, perché il pop è difficile che acceda al teatro lirico. Abbiamo in Italia questi posti meravigliosi culturalmente elevatissimi in cui ti nutri e fa solo bene. Poi avere la gente vicina e guardarla in faccia è la cosa che mi piace di più. I Palazzetti li farò, ma li soffro di più.

Perché non alla Scala?
Ci abbiamo provato, ma non ha lo spazio. Ci riproveremo!

giorgia festival di sanremo 2023 conferenza stampa

Quante date in tour?
12, come i segni zodiacali.

La copertina di “Blu” dà un po’ un’idea di freddezza…
Sì, sono molto Avatar!

Quando parli di lasciar andare, ti riferisci ad Alex Baroni?
Sinceramente no, perché non è nata così. Se lo dicessi, mentirei. Quando l’ho ascoltata ho pensato che sarebbe stato bello cantarla. Mi piace dire che sia più un fatto di concetto. Il testo parla di cose concrete, però non sarei sincera se dicessi… No, perché non l’ho scritta…

giorgia festival di sanremo 2023 conferenza stampa

Cosa non ti hanno fatto cantare nel 1995?
Quando venni al Festival con “Come saprei”, Pippo Baudo era entusiasta di quella canzone. La cantavo con incoscienza, perché l’ho capita dopo! Mi sono fatta molto guidare, volevo solo cantare, esprimere il canto. Poi di tante cose ho iniziato a preoccuparmene dopo. Mi sono resa conto anni dopo della difficoltà di quel Sanremo.

Ti manca Pippo Baudo?
Quando sono entrata all’Ariston sono andata subito a guardare quello stanzino piccolo accanto al palco che era il suo camerino. Questa è una parte un po’ malinconica, ma bella. Stavolta non l’ho chiamato, solo per non disturbarlo, ma domani lo chiamerò perché è un rito. So che lui vorrebbe essere qua, quindi chiamandolo non vorrei aggiungere altri pensieri.

“Ci sono arrivata per gradi a capire che la gente mi riconosceva in autogrill”

giorgia festival di sanremo 2023 conferenza stampa

Giorgia dopo 25 anni com’è?
Ci sono arrivata per gradi a capire che la gente mi riconosceva in autogrill. Ho parlato con i giovani che partecipano quest’anno e loro sono già pronti per la televisione, io non lo ero. Mi ricordo che un cameraman mi disse che non potevo cantare sempre con gli occhi chiusi, perché eravamo in televisione! La sensazione del palco è sempre quella: è un palco magico e non sai mai cosa succederà!

Diventare madre?
Direi che le donne riescono sempre a fare da mamma a qualcuno. Diventare madre è stato un processo che ho realizzato nel tempo. Nel mio caso è stato un percorso molto importante, perché mi ha obbligato a trasformarmi. Non mi ha dato la possibilità di adagiarmi su delle cose caratteriali…

Il podio? Mengoni Ultimo, Ultimo Mengoni… Non è che fra i due litiganti…?
Ma anche Lazza, ma anche Madame, potrebbe esserci un’Ariete o una Mara Sattei che escono a sorpresa. Secondo me sul podio ci saranno certezze, ma anche sorprese.
Vi lascio con la romanità “volemose bene”!

giorgia festival di sanremo 2023 conferenza stampa

Li torturo tuttiiiii!!!
Ti piacerebbe essere torturato, ehm… intervistato da me?
Ti piacerebbe parlare di te e raccontare ciò che fai, la tua attività, la tua professione?

L’intervista ti farà uscire dall’invisibilità!
Dai un’occhiata a come funziona! –> Cosa posso fare per te

*Cosa puoi fare per me?*
condividere questo articolo sui tuoi canali social
• inoltrare il link ai tuoi contatti whatsapp
• lasciare un commento in fondo all’articolo stesso
iscriverti alla Newsletter per non perderti nessun articolo! Compila il form in home page