La Stanza delle Torture
Stai leggendo

I Templari a Torre a Cenaia

0
Dettagli di Toscana

I Templari a Torre a Cenaia

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia veduta esterna di Villa Valery cover

Storie, vicende ed enigmi si intrecciano all’ombra di una Torre. Nei sotterranei della “Casa Turrita”, la Villa fortificata del borgo di Torre a Cenaia, in provincia di Pisa, su un’antica vasca in pietra, torna alla luce un antico segno. La traccia incisa, dai tratti inconfondibili, rivela l’emblema dei Cavalieri dell’Ordine dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia l'antica Villa Valery
L’antica Villa Valery

Una Tenuta millenaria nella campagna pisana. Nobili famiglie alla guida di un vasto territorio. Marchesi Bartolini Salimbeni, Conti De Bearn – Valery, Conti Pitti Ferrandi. Infine, il rifugio di un magnate tedesco sul finire della Seconda Guerra Mondiale.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia l'antica Villa Valery
L’antica Villa Valery

Metti un borgo dalla storia millenaria, un vasto e fertile territorio per secoli al servizio di nobili casate provenienti da tutta Europa, ville fortificate e castelli dimenticati, locali sotterranei dall’origine sconosciuta…
Ecco pronto un mix pieno di misteriose sorprese!

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia l'antica Villa Valery e il giardino
L’antica Villa Valery e il giardino

Quella dei Cavalieri Templari a Cenaja è sembrata all’inizio un’occasione come tante per far parlare di sé. Eppure, l’eredità della Storia affiora con decisione nella Tenuta di Torre a Cenaia lasciando tutti sbalorditi, con la sua evidente carica di significato, sogno, mistero.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia il cancello di Villa Valery
Il cancello di Villa Valery

Ripercorriamo insieme le tappe di questa straordinaria scoperta

I sotterranei di Villa Valery

Villa Valery è oggi un edificio abbandonato ricco di fascino. I Conti Valery – De Bearn, arrivati dalla Francia tra Ottocento e Novecento (dopo i Marchesi Bartolini Salimbeni), vollero un edificio più “signorile”. L’antica villa fortificata, la “Casa Turrita” simbolo della Tenuta, si rivelava troppo agée per una nobiltà di quel rango. Ecco che nel 1879 edificarono una splendida nuova villa, arricchendola con elementi liberty e “alla moda francese”.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia veduta esterna di Villa Valery
Veduta esterna di Villa Valery

Per far questo dovettero rinforzare le fondamenta del primo edificio: qui trovarono antiche stanze sotterranee, ricche di cunicoli che i precedenti proprietari avevano sigillato per motivi di sicurezza, con tanto di date e firme dei sovrintendenti ai lavori. Rinforzarono il solaio della nuova villa e utilizzarono il vasto locale come cantina e ghiacciaia.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia il cancello di Villa Valery
Il cancello di Villa Valery

A metà Novecento, i locali sotterranei vennero abbandonati. “Il Tedesco” Otto von Flick, potente magnate che occupò Villa Valery fino agli anni Settanta, sembra non averli mai utilizzati. Probabilmente, visto l’innalzarsi della falda acquifera, fu lui a decidere di abbandonare e interrare definitivamente quei locali sotterranei, ormai inutili.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia il muro di cinta
Il muro di cinta

La Croce delle Otto Beatitudini

È stata l’attuale proprietà, le famiglie Terzi Coppini, a rinvenire casualmente i locali sotterranei e a riportarli alla luce, scoprendo a poco a poco i tesori che celavano. Oltre a numerose iscrizioni che attestavano gli ultimi lavori di messa in sicurezza, ciò che più colpì fu una croce, all’apparenza “pisana”, sulla base di una grande vasca al centro della sala principale.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia veduta dal parco
Veduta dal parco

Per anni dimenticata al buio e alle acque di quelle che potevano apparire come semplici cantine sotterranee, è grazie a una casuale visita dell’Associazione Storico Culturale Il Cuore di Bartolomeo, presieduta a Antonello Borella, che la “croce templare di Cenaia” è tornata finalmente a raccontare una storia straordinaria, mostrando tutto il suo insospettabile valore.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia l'ingresso dei sotterranei di Villa Valery
L’ingresso dei sotterranei di Villa Valery

Allo stesso tempo, si è iniziato a capire che la fitta rete di cunicoli che si diramano da quella sala, altro non sono che un antico sistema di difesa che percorre l’intero borgo della Tenuta e non solo. Dai racconti dei più anziani e dalle testimonianze d’archivio, si è visto che uno di questi tunnel conduce a un luogo lontano circa un km dalla Casa Turrita, in mezzo ai boschi di Torre a Cenaia, laddove fino al XII secolo d.C. sorgeva il Castello di Cenaja. Ecco che si deduce facilmente che i locali sotterranei in cui è stata scoperta la Croce hanno almeno ottocento anni.

Questo simbolo di epoca medievale ha in realtà origini ben più antiche. Compare già nel V secolo d.C. come emblema dei Nestoriani e, in occidente, poco dopo è assunta nel vessillo degli Amalfitani che la incisero perfino nelle loro monete, il tarì. Questi fondarono un ospedale a Gerusalemme nel 1023, proprio dove ritroviamo, appena due anni dopo, l’Ordine degli Ospitalieri di San Giovanni.

Gli ingredienti di una storia incredibile!

È una mattina d’estate e l’Associazione Storico Culturale Il Cuore di Bartolomeo arriva nella Tenuta a caccia di sponsor per una serie di iniziative culturali. Uno di loro è il massimo studioso in Italia di simboli templari, il professor Luigi Battistini. Casualmente, viene fuori che uno dei suoi lavori più rappresentativi è una decennale ricerca sulla simbologia della croce: ha raccolto migliaia di segni in tutta la Toscana e non solo. Ne fa vedere alcuni (che porta con sé su una pennina usb!) agli addetti ai lavori di Torre a Cenaia.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia nei sotterranei dimenticati di Villa Valery una misteriosa cantina
Nei sotterranei dimenticati di Villa Valery, una misteriosa cantina

“Ma lo sa che, anche nei nostri sotterranei, c’è una croce simile a questa?”

Il professore e i suoi consociati saltano sulla sedia.
Occorre andare a vedere, subito!

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia nei sotterranei dimenticati di Villa Valery una misteriosa cantina
Nei sotterranei dimenticati di Villa Valery, una misteriosa cantina

“Ma la cantina sotterranea è piena d’acqua”, viene detto al professore, “Ci dispiace, ma i locali sono inagibili. Purtroppo la falda acquifera si è alzata molto negli anni passati e non c’è modo di scendere oltre i primi gradini”.
Il professore pare non ascoltare nemmeno ed esce risoluto. Il gruppo arriva all’inferriata che chiude i sotterranei. Un leggero strato di fango sul pavimento attesta che c’è stata acqua, ma al momento tutto è miracolosamente all’asciutto. Possono entrare.
Il professore viene accompagnato al punto in cui molti anni prima l’intonaco fradicio di umidità si è sbriciolato, rivelando sotto di sé la pietra serena incisa con una splendida croce. Si trova ai loro piedi, ai margini di un’antica vasca di cui si ignora il primo uso.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia nei sotterranei dimenticati di Villa Valery una misteriosa cantina
Nei sotterranei dimenticati di Villa Valery, una misteriosa cantina
dettagli di toscana i templari a torre a cenaia nei sotterranei dimenticati di Villa Valery una misteriosa cantina
Nei sotterranei dimenticati di Villa Valery, una misteriosa cantina

Al professore e agli altri brillano gli occhi. Non proferiscono parola, ma si capisce che di fronte hanno qualcosa di importante.

“Una croce delle otto beatitudini. Una bellissima croce delle otto beatitudini. In perfette condizioni,” bisbiglia fra sé mentre ne percorre il tratto col dito, lentamente. “Signori, qui sotto avete un tesoro!” esclama infine con aria soddisfatta.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia la Croce delle Otto Beatitudini rinvenuta nella cantina
La Croce delle Otto Beatitudini rinvenuta nella cantina

È proprio così che tutto è cominciato.

E oggi possiamo narrare che, nel lontano Mille e Trecento, pochi anni dopo che i Cavalieri Templari furono sospesi da Papa Clemente V nel 1312, qualcuno incise questa pietra e, per ragioni sconosciute, la pose nei sotterranei di Torre a Cenaia. Chi tracciò questa Croce delle Otto Beatitudini apparteneva senza dubbio all’Ordine di San Giovanni, i cui monaci “ospitalieri” ereditarono tutti i beni dei Templari dopo il loro scioglimento.

Secondo il Cuore di Bartolomeo e il professor Battistini, si tratta proprio di un segno tangibile del Sovrano militare ordine ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta, ovvero un’incontestabile prova che gli antichi terreni della Tenuta hanno fatto parte di un vasto possedimento templare, poi giovannita.

dettagli di toscana i templari a torre a cenaia nel parco di Villa Valery dettagli creativi
Nel parco di Villa Valery, dettagli creativi
dettagli di toscana i templari a torre a cenaia nel parco di Villa Valery la grande palma al tramonto
Nel parco di Villa Valery, la grande palma al tramonto

Torre a Cenaia
Antica Tenuta Pitti
Cenaia (Pisa), via Livornese n. 55
Tel. 050 643739
info@torreacenaia.it
www.torreacenaia.it

Ringraziamo per la disponibilità Gabriele Panigada, che al momento della raccolta delle informazioni necessarie alla stesura del testo ricopriva il ruolo di Communications Manager presso Torre a Cenaia

FOTO DI CINZIA DONATI

Iscriviti alla Newsletter per non perderti nessun articolo! Trovi il form in home page

Scopri cosa posso fare per te



(4) Comments

  1. massimo spadoni says:

    Bell’articolo Cinzia! Questa storia non la conoscevo ed è molto interessante. Purtroppo l’abbandono di tanti luoghi ci nascondono tante informazioni sul nostro passato che invece è importante conoscere.

    1. Vero Massimo! Questo luogo in particolare mi ha conquistata! Nasconde questo mistero e custodisce una storia incredibile! Presto ci torno!

  2. Nicolino Roberti says:

    Interessante questo articolo

    1. Grazie Nicolino! Mi fa piacere!

Rispondi

Seguimi!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: