La Stanza delle Torture
Stai leggendo

La terza stanza delle torture: uscita la terza raccolta di interviste

0
cultura

La terza stanza delle torture: uscita la terza raccolta di interviste

il coccodrillo sulla copertina de la terza stanza delle torture di cinzia donati

GLI INTERVISTATI SONO I TORTURATI!

I torturati dall’autrice sono persone e personaggi che hanno qualcosa da raccontare. Le torture sono le interviste, le domande a cui quei “malcapitati” si trovano a dover rispondere, mentre la giornalista svolge il proprio lavoro. L’autrice è abbastanza allergica a questa tortura e, per sopravvivere a tutto ciò, cerca di trasformare le sue interviste in chiacchierate.

Questa è la terza raccolta e comprende alcune delle interviste realizzate nel corso degli anni per il quindicinale Paspartu, di cui è responsabile di redazione.

Gli intervistati sono persone e personaggi che hanno qualcosa da dire. Per avere qualcosa di più o meno interessante da dire non importa essere famosi. Perciò, troviamo nomi noti e meno noti, alcuni mai sentiti nominare! L’importante è che, alla fine di ogni intervista, il lettore abbia l’impressione di aver imparato qualcosa di nuovo. In fondo questo è lo spirito con cui l’autrice sceglie le persone da torturare! Per scelta le interviste non sono mai troppo erudite né troppo tecniche, perché tutti devono avere la possibilità di comprendere bene ciò che è scritto.

copertina de la terza stanza delle torture di cinzia donati

PERCHE’ “TERZA”

“Chi l’avrebbe mai detto che le mie torture potessero un giorno arrivare alla trilogia!”, scrive l’autrice nell’introduzione. La “prima” e la “seconda stanza” sono già state pubblicate e contenevano altre interviste realizzate in anni passati. Dalla prima raccolta di interviste – datate tra il 2008 e il 2011 e pubblicata nel 2011 con il titolo “La stanza delle torture” – è nato il blog curato dall’autrice stessa lastanzadelletorture.com che raccoglie tutte le interviste fatte in circa un decennio.

PERCHE’ UN COCCODRILLO IN COPERTINA

Il coccodrillo che appare in copertina è un modo che piace all’autrice per suggerire di non prendersi troppo sul serio. In gergo giornalistico il “coccodrillo” è un articolo/necrologio scritto in anticipo, per averlo pronto al momento del bisogno. Ciò inquadra i giornalisti come persone decisamente poco carine!

Come scelgo i malcapitati da sottoporre a tortura? Si tratta di persone che hanno qualcosa da dire, più o meno interessante. Per avere qualcosa di interessante da dire non importa essere famosi! In genere, preferisco intervistare gli sconosciuti, perché ho l’impressione, a fine intervista, di aver imparato qualcosa di nuovo. E spero sempre che questa impressione rimanga anche nei lettori.

CHI SONO GLI INTERVISTATI… O MEGLIO: I “TORTURATI”!

Elena Martinelli
Stefano Pasquinucci
Dalia Gaberscik
Clive Malcolm Griffiths
Paola Turci
Gabriella Petrucci
Alfonso Cuaròn
Iacopo Giannini
Conte Emilio Petrini Mansi Marchese della Fontanazza
Annalisa Bugliani
Annarita Landi
Giovanni Lorenzini
Francesca Pasquinucci e Davide Giannoni

DOVE ACQUISTARLO
A Viareggio: librerie Lettera22 e La Vela
Online: sul sito www.giovaneholden.it
Ordinabile in tutte le librerie

LA TERZA STANZA DELLE TORTURE
INTERVISTE A PERSONE E PERSONAGGI
di Cinzia Donati
Giovane Holden Edizioni
Collana Spessosottile
Pagine: 48
Prezzo: 9 euro

CINZIA DONATI

Classe 1974, nata a Pisa, vive a Torre del Lago Puccini.
Giornalista.
Ha alle spalle una nutrita quantità di esperienze lavorative nel campo della comunicazione, soprattutto uffici stampa di eventi e concerti.
La musica è una costante nella sua vita, per passione e per lavoro. Due sono le esperienze lavorative passate, significative e decisive, entrambe proprio in campo musicale: quasi un decennio a Radio Babilonia, come redattrice del tg, e qualche mese come stagista presso l’ufficio stampa D’Alessandro e Galli.
Con Giovane Holden Edizioni, ha pubblicato “Nudo”, un libro fatto solo di pagine bianche, “La stanza delle torture”, prima raccolta di interviste a persone e personaggi realizzate per il quindicinale Paspartu, di cui coordina la redazione, “La seconda stanza delle torture”, che segue la prima.
Blogger per divertimento dal 2003, pubblica le sue interviste sul nuovo progetto lastanzadelletorture.com

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Follow @ Instagram

Seguimi!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: